Ladispoli: Feste & Sagre

Settimana di Carnevale – Carnevale 
E’ il periodo durante il quale è permesso ogni tipo di divertimento e viene festeggiato ovunque con balli, parate in maschera e divertimenti vari. Si inizia con la grande festa mascherata dedicata ai bambini e si prosegue con la gran parata di Carnevale in cui sfilano carri allegorici preparati dalle scuole. Si succedono poi bande musicali e gruppi folkloristici. Infine l’arrivederci al Carnevale con un'altra festa in maschera per bambini.
 
Secondo fine settimana di aprile – Sagra del carciofo romanesco 
Il carciofo è l’assoluto protagonista di questo fine-settimana, in cui l’ortaggio viene presentano in tutte le sue salse, sia crudo, sia cucinato. Parallelamente si svolge tutta una serie di attività ludiche, musicali e gastronomiche. La sagra ha il suo culmine nella sfilata di carri allegorici e nella distribuzione alla folla di migliaia di mammole, i carciofi senza spine. Alla fine spettacolo musicale seguito da fuochi d’artificio.
 
5,6,7 Maggio- M.A.N.I.A. Fiera campionaria 
Mostra agricola, nautica, industriale e degli animali. Si allestisce uno spazio espositivo nella zona di Via Claudia e Via Firenze con degli stando, integrati da numerose bancarelle di varie merci. Sono previsti anche spettacoli musicali.
 
Quarto sabato di Agosto – Simposio etrusco 
Attraverso la ricostruzione di un rito misterioso del passato, si vive un particolare spettacolo che rievoca i tempi etruschi, antichi abitatori della zona. Tramite questo rito si fanno rivivere vita e costumi di questo popolo per quello che si è riusciti a ricostruire fino ad oggi: pare ancora lontano infatti il momento in cui si potrà dire di conoscere da vicino il mondo etrusco.
 
25 Dicembre – 6 Gennaio – Presepe vivente 
Il bosco del parco di Palo, antica Alsium, ospita una sacra rappresentazione della Natività di forte suggestione: uno spettacolo popolare che prevede la ricostruzione di una nuova Bethlemme, nella quale 100 figuranti sono intenti ad antichi mestieri. La bellezza della natura invita a tornare per una visita specifica alla riserva floro-faunistica dell’oasi, un vero esempio di macchina mediterranea perfettamente mantenuta e rispettata, punto di riferimento per gli uccelli migratori.